logo pagina
logo pagina
logo pagina
logo pagina
logo pagina
logo pagina
logo pagina
logo pagina
logo pagina


spazio bianco

PROGETTO OBIETTIVO DI APPLICAZIONE DEL D.L. 230

(bozza non definitiva)

Commissione governativa Ministero della Sanità e della Giustizia


  1. PREMESSA

  2. LO STATO DI SALUTE NELLE CARCERI

  3. GLI OBIETTIVI DI SALUTE

  4. I MODELLI ORGANIZZATIVI

  5. IL RICOVERO NELLE UNITA' OPERATIVE DI DEGENZA

  6. L'ORGANIZZAZIONE PER IL GOVERNO DELLA SANITA' IN AMBITO PENITENZIARIO

  7. COMPITI DELLO STATO, DELLE REGIONI E DELLE AZIENDE SANITARIE

  8. LA FORMAZIONE E L'INFORMAZIONE

Pur non esistendo un sistema di rilevazione nazionale delle patologie in ambito penitenziario, si riporta, di seguito, un breve quadro generale della situazione sanitaria inerente allo stato di salute nelle carceri e alla indicazione delle patologie maggiormente diffuse.

Le persone detenute sono attualmente circa 50.000 (47.000 uomini e 3.000 donne), nonostante le infrastrutture abbiano una disponibilità di 35.000 posti letto distribuiti nei 200 istituti esistenti. Dei suddetti 50.000 detenuti, 13.000 sono extracomunitari, 15.000 tossicodipendenti, 2.500 sieropositivi per l'HIV, oltre 4.000 i sofferenti di turbe psichiche anche molto gravi.

Le patologie infettive, psichiatriche e gastroenterologiche sono quelle maggiormente diffuse. In particolare malattie infettive come epatiti, tubercolosi, AIDS, sono motivo di grande impegno economico e per farvi fronte l'Amministrazione penitenziaria ha utilizzato circa il 40% del finanziamento per l'approvvigionamento dei farmaci.

Le patologie dell'apparato cardiovascolare colpiscono in carcere classi di età relativamente più basse rispetto alla società esterna (40 - 50 anni). Frequenti sono anche le malattie osteoarticolari e le bronco-pneumopatie croniche ostruttive (la stragrande maggioranza dei detenuti consuma in media dalle venti alle quaranta sigarette al giorno). Di difficile gestione in carcere sono, inoltre, le malattie metaboliche e del ricambio, come il diabete mellito di tipo I e II che comportano l'osservazione di un determinato regime di vita (dieta, moto, autogestione dei farmaci). Nella tabella 1 sono riportate le maggiori patologie rilevate negli istituti penitenziari nel periodo 1 gennaio-20 settembre 1999. E' indubbio, comunque, che occorre approfondire le attuali conoscenze sullo stato di salute dei detenuti.

Tabella n. 1

PATOLOGIE

periodo di riferimento 1 gennaio-20 settembre 1999

TOTALE GENERALE
MALATTIE DELL'APPARATO RESPIRATORIO 2644
MALATTIE ALLERGICHE E IMMUNITARIE1449
MALATTIE DELL'APPARATO CARDIOVASCOLARE2262
ENDOCRINOLOGIA E MALATTIE DEL RICAMBIO1263
MALATTIE DELL'APPARATO DIGERENTE6600
MALATTIE DEL SANGUE DELL'EMOCOAGULAZIONE E DELL'EMOSTASI 668
MALATTIE DELL'APPARATO UROGENITALE1267
MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO5473
MALATTIE DELL'APPARATO LOCOMOTORIO3558
MALATTIE INFETTIVE9794


spazio bianco

RED CRAB DESIGN

spazio bianco

Priory lodge LTD